L’arcipelago Mergui e’ composto da un gruppo di isole situate al largo della costa occidentale del Myanmar ed è delimitata a sud con le acque territoriali thailandesi. Una superficie di circa diecimila miglia quadrate, con più di ottocento isole tropicali. Fino al 1996 questa zona è stata chiusa al turismo, oggi si può visitare con il permesso del governo speciale. Moltissimo del territorio delle Mergui è pressoche’ disabitato e la natura regna sovrana. Isole ricoperte di vegetazione, isole con spiagge da sogno, incantevoli baie, barriere coralline incontaminate e acque ricche di vita marina sono gli argomenti più convincenti per visitare questo arcipelago incontaminato. Per alcuni secoli queste acque sono state la casa del “Moken”, gli zingari del mare, alcuni sono ancora presenti oggi; sempre hanno vissuto la loro vita in mare su barche in legno che si tramandano di generazione in generazione. A volte si accampano su qualche isola per diversi giorni, ma mai in modo permanente.

Ufficialmente non sono mai appartenuti a nessuna nazione, la loro principale fonte di sostentamento, una volta era la pirateria, la pesca tradizionale e la perla. Oggi vivono di pesca. La vita marina nell'arcipelago Mergui è interessante, i subacquei incontreranno varie specie di mante e squali (leopardo - bianco punta - gli squali balena), delfini, tartarughe e pesci che vivono intorno alla barriera corallina,
Alcune delle isole sono abitate da diverse specie animali: numerosi tipi di uccelli, come pappagalli, aironi, aquile di mare, martin pescatori, buceri e gli elefanti selvatici, armadilli, coccodrilli, pipistrelli, scimmie, un intero mondo naturale è ancora presente in Birmania.

Le nostre proposte: